Verso l’infinito e oltre!

Buongiorno. Sono felice! *balletto della felicità in corso……*
Il mio peso attuale è 84kg, ciò significa che con un attenta e sana alimentazione, accompagnata anche da un pò di movimento ho perso i miei primi 4 chili! Yeyyyyy!! *Applauso e hola..clap clap clap*
Sono molto fiera di me, lo devo dire, i complimenti sono gratificanti e fanno bene, spronano a continuare il percorso.
Stasera ho anche la prima lezione di Urban Jump, vi farò sapere com’è! (Se non sapete di cosa si tratta potete guardare qualche video si youtube). Poi mercoledì e giovedì farò una lezione di prova ance di Zumba e di aerobica su step, così deciderò quali seguire asseconda delle mie esigenze e della mia resistenza. Sarò anche un pò dimagrita, ma comunque fare sport con 24 chili in più non è certo facile. *Si asciuga il sudore solo a pensarci* . Cerco di vedere il tutto molto positivamente e con tanta voglia di fare, non più come una volta che dicevo” tanto non ce la faccio, tanto mollo, mi vergogno”. Si mi scoccia anche oggi andare a una lezione in cui tutta la mia ciccia traballante salterà a destra e a manca, ma ci vado a testa alta, senza vergogna. Dimagrirò e la mia ciccia non traballerà più così tanto e diventerò una gran gnocca *sguardo sognante*, ma vi dico una cosa…non mi permetterò mai di giudicare una persona in base al suo peso come fanno in tanti!!!! Purtroppo bisogna passarci nelle cose per capire che quello che a volte diciamo senza pensare (o anche pensando ma con tanta superficialità) feriscono qualcuno all’inverosimile, e c’è chi queste cose se le porta dietro per anni.
MA ORA PENSIAMO POSITIVO….regaliamoci attenzioni e cure, anche se il marito si ingelosisce pensando che lo facciamo perchè abbiamo l’amante….(uomini, un cervello piccolo e al posto sbagliato talvolta)…dobbiamo lottare e mai arrenderci..dobbiamo arrabbiarci e tirare fuori denti ed unghie, mai farci abbattere dalla tristezza. Solo allora avremo la forza di fare questa strada tortuosa e arrivare lontano…..Amiche…Giusy, Mari, Isa, Eleonora, Cristiana, Luisa, Stefania, Barbara, Mariarosa, Chiara, Daniela, Marika, Silvia, Lina, Elisa….questo è per voi!!!..VERSO L’INFINITO E OLTRE!!!!!!!!!!!

Mrs C.

DSC_0733-001
CROCCHETTE AI CARCIOFI

INGREDIENTI:
2 carciofi,2 patate medie lesse, 2 cucchiai di parmigiano, poca scorza di limone grattugiata, olio d’oliva, 1 spicchio d’aglio, 1 ciuffetto di prezzemolo, 1 albume, sale e pepe, pangrattato, sesamo
PROCEDIMENTO:
Mondiate i carciofi e immergeteli in acqua acidulata con succo di limone. Lavateli e tagliateli a spicchi, e poneteli in una casseruola con uno spicchio d’aglio intero, olio d’oliva, poca acqua e un ciuffetto di prezzemolo, sale e pepe. Fate cuocere, eliminando l’aglio e frullate i carciofi. Successivamente unite le patate schiacciate a parte: non frullate le patate con il robot perchè diventano collose!
Amalgamate patate e carciofi con parmigiano, una grattata di scorza di limone (poca) e albume. Aggiustate di sale e pepe e formate della polpette schiacciate. Le passate successivamente nel pangrattato mescolato al sesamo, spennellate con olio e disponetele su una teglia coperta di carta forno. Infornate a 220° per 10 minuti. Girate le crocchette e la fate dorare 2 minuti anche sull’altro lato. Servite con la salsina.

foto-001
SALSA ALL’AGLIO

INGREDIENTI:
1/2 testa d’aglio divisa in spicchi e spellata, 15 g di burro, 180 g di latte + 1/2 tazzina, 1 cucchiaino scarso di maizena, 1/2 cipolla sminuzzata, prezzemolo
PROCEDIMENTO:
Rosoliate a fiamma dolce l’aglio nel burro fino a doratura. Aggiungete la cipolla e lasciate cuocere. Unite i 180 g di latte, lasciate sulla fiamma circa 10/15 minuti e con la forchetta schiacciate gli spicchi d’aglio per far uscire il sapore. Qualche altro minuto sul fuoco e poi filtrate attraverso un colino. Addensate con la maizena sciolta in 1/2 tazzina di latte freddo, fate riprendere bollore alla salsa e aggiustate di sale e di pepe. Unite il prezzemolo tritato e servite con le crocchette.

Broccolandia

E’ successa una cosa. E’ successo che non ho più voglia di mangiare tutto ciò che solo una settimana fa mi faceva impazzire. Sono talmente stufa di come sono fisicamente, continuamente tormentta dai sensi di colpa di questi anni riguardanti il cibo, che oramai vado dritta come un treno verso l’obiettivo e tutte le schifezze che mi stanno intorno le schifo (schefezze=schifo….UAU!). Ho proprio cambiato mentalità. Per carità non sono un robot, oggi mia nonna ha fatto i tortelloni ai carciofi e mi facevano una certa gola, ma ne ho assaggiato una metà ed ero più che soddisfatta. Mi manca più il sapore delle cose più che altro, ma non avevo certo voglia di papparmene una padella intera. Non so se mi sono spiegata….riassumendo brevemente: il gusto delle cose mi manca ma mi basta sentirne il sapore per esserne appagata, non mi serve mangiarne ciotole intere. Però! Che cambiamento eh? Sono proprio contenta, super positiva come sempre. Il segreto è questo: RIMANERE POSITIVE! Poi dopo i primi giorni cambia tutto. Mi vedo già meno gonfia per esempio…meno pesante. Le forze le ho tanto uguali a prima, anzi! Riesco a fare tutto molto meglio…non ho quella pesantezza di stomaco che ti fa addormentare dopo ogni pasto (l’abbiocco per intenderci) e ti paralizza per le ore successive accompagnata da rutti e altra roba puzzolente (dai avete capito!!!!!). Quindi per ora tutto bene, mi sto facendo un bel regalo di Natale. A proposito…per Natale vorrei proprio questo gran bel regalo da me stessa: RIENTRARE IN UNA 44! Troppo dite? Domenica ero una 50, oggi sono entrata in una 48! Dai dai dai dai dai dai dai!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Voglio rimettermi quei bei jeans che sono li ad attendermi da un bel pò per il pranzo di Natale 2014….! E magari Babbo Natale potrebbe portarmene un paio di nuovi…….Ce la farò? io dico di si. Chi vuole cominciare a scommettere 😉 ?

A presto…..e in bocca alla salute a tutti 🙂 Mrs C.

mauffinbroccoli

MUFFIN SALATI AI BROCCOLI

INGREDIENTI:

250 gr di farina 00, 250 ml di latte tiepido, 100 gr di parmigiano 30 gr di olio, 1 uovo, un cucchiaino di zucchero, 1 bustina di lievito per pizze e torte salate, sale qb, 1 bustina di zafferano formaggio qb, io ho usato l emmental.
300 gr di broccoli

PREPARAZIONE:

Setacciate la farina con il lievito ed unire sale e zucchero , poi il parmigiano, lo zafferano . Sbattere a parte l uovo ed unirvi il burro fuso freddo. Aggiungere al composto di farina e man mano il latte ed in fine il formaggio , io l ho grattugiato o tritato . Setacciate la farina con il lievito ed unire sale e zucchero , poi il parmigiano, lo zafferano . Sbattere a parte l uovo ed unirvi il burro fuso freddo. Aggiungere al composto di farina e man mano il latte ed in fine il formaggio , io l ho grattugiato o tritato .
Dopo aver mescolato bene, mettete l impasto nei pirottini per muffin precedentemente imburrati, nel centro posizionate il broccolo, precedentemente lessato, è lasciato al dente, e ricoprire con un po’ d impasto.
Cuocete in forno a 180 gradi per circa 20 minuti .

Abbattete i muri

Ho appena finito di mangiare e sono sazia, ma sopratutto contenta! Oggi è il 6° vero giorno di dieta (bravaaa…clap clap clap) o meglio dire “di mangiar sano“. Mi ritengo davvero sulla buona strada, ho perso i primi tre chili senza accorgermene praticamente. Mangio fino a saziarmi, ma cose che mi fanno bene! Ma perchè diavolo non ho cominciato prima??
Sono finiti i giorni di festa, ora c’è solo natale pasqua e ferragosto dove il menù è un pò appesantito…il resto dell’anno: ciao ciao schifezze! A cambiar cibo si cambia anche mentalità….daltronde come dice il proverbio...siamo quello che mangiamo no?
Ho cominciato a non avere nemmeno la voglia di mangiare la torta quando mi viene offerta…il ragionamento è sempre lo stesso: abbiamo dimenticato di apprezzare ciò che abbiamo sul tavolo dandolo per scontato perchè è sempre a portata di mano e di bocca. Ci piace mangiare è vero, ma magari lo mangiamo così spesso che non ne godiamo, non lo gustiamo il tal piatto, seppur certi di farlo…in verità siamo golosi, ingordi e ossessionati. (tipo mio marito con le caramelle)
Passati i primi giorni di rinunce e sacrifici sarà sempre più facile dire di no, basterà ricordare tutte le negazioni che ci siamo già imposti, tutto il sudore e le lacrime versate a ginnastica…tutto queste immagini ci faranno dire: ma ne vale la pena?
Con questo non dico che dobbiamo privarci per sempre di tutto ciò che ci piace, anzi, piuttosto poniamocelo come obiettivo!! Per esempio dopo due settimane di diete regaliamoci una fetta di torta, dopo un mese la pizza o la lasagna. In questo modo piano piano inseriremo le cose che ci piacciono e quella sarà la nostra gratifica. Quel giorno, se poi vi sentirete in colpa, basterà fare un’ora di esercizi in più e la sera solo un brodino…. ma almeno saprete che al mondo non esiste solo verdura! Badate bene però di non farvi prendere troppo la mano con queste gratificazioni…. 😉

Abbraccio tutto le ragazze del gruppo di sostegno “dimagrire insieme” su facebook, voglio dirvi che siete delle grandi lottatrici e che mi fate tanta compagnia, oltre darmi sempre la forza di andare avanti! ABBATTETE I MURI, SEMPRE E COMUNQUE!

Mrs C.

PS: Vi lascio con un dolce di gratificazione (concesso dopo le prime due settimane)

2f26312b1e4d44ca1754a496e31078bf
I
NGREDIENTI:

Ingredienti per i cupcake

6 gocce di aroma petit buerre
1 vasetto di yogurt magro bianco o aromatizzato al gusto che preferisci
½ bustina di lievito in polvere per dolci
10 gocce di DieteTic o qualsiasi altro edulcorante liquido
2 uova intere
30 gr di bacche di Goji
50 gr di amido di mais (maizena)
50 gr di latte scremato in polvere

Ingredienti per la glassa:

500 gr di formaggio quark
3 cucchiai di latte in polvere scremato
8 gocce di aroma burro fuso
3 gocce di aroma caramello
1 cucchiai di agar agar

PREPARAZIONE

Preriscaldate il forno a 180°. In una ciotola mettete 50 gr di latte in polvere scremato, 50 gr di amido di mais (maizena), 30 gr di bacche di goji, 2 rossi d’uovo (gli albumi conservali), 10 gocce di DieteTic, ½ bustina di lievito in polvere per dolci, lo yogurt e 6 gocce di aroma petit beurre. Mescolate il composto per bene e lasciatelo riposare per qualche minuto. Nel frattempo montate i due albumi d’uovo a neve ben ferma. Quando sono montati, aggiungeteli al composto e mescolate per bene. Mettete il composto nei pirottini per muffin e infornate a 180° per 35 minuti. Nel frattempo che i cupcake cuociono, preparate la glassa esterna. In una ciotola, mescolate tutti gli ingredienti della glassa con un cucchiaio. Otterrete una crema densa e corposa. Quando i cupcake sono pronti, lasciateli intiepidire, aggiungete sopra la glassa e decorateli con una spolverata di bacche, cacao magro in polvere e una spolverata di bacche di Goji macinate.

Niente ironia solo felicità

Buongiorno.
Sono qui bella sdravaccata sulla poltrona da ufficio di mio marito. Ho una bella tazza(ona) di latte ed orzo in mano e me la sorseggio in tranquillità. I pupi sono all’asilo, il marito è andato a lavoro, i cani dormono…..e io mi rilasso! Certo dopo mi aspettano le faccende di casa, ma ora mi prendo un’ora esclusivamente per me. DIO CHE BELLO! Sapere che si sta combattendo questa semi-guerra contro il cibo e per ora sto sterminando tutti gli avversari mi rende davvero felice e tranquilla.
Sono così motivata che penso non ricadrò nei miei stessi errori. Ho visto i primi chili andare via e questo ha aumentato la mia fiducia, l’importante è non lasciarsi MAI andare. Se si comincia con il dire “ma si dai che sarà mai un biscottino” e via dicendo…state sicure che avete già concluso negativamente la vostra dieta!
So benissimo che i primi 5 chili si perdono facilmente perchè sono tutti liquidi..ma va bene lo stesso no? Sono i primi mica gli ultimi! Quando superò i 5 chili farò il balletto della felicità!….E poi averne persi già un paio è sempre meglio che un calcio in culo no?
Qualcuno mi ha chiesto con un messaggio privato che dieta sto seguendo, ma faccio prima a rispondere qui.
Non sto facendo una dieta! Semplicemente sto mangiando bene, 5 pasti al giorno, piatti colorati pieni di verdura. Cerco di rimanere nelle 1500 calorie ma saziandomi! Pasta, riso o pane una volta a settimana…e faccio un pò di movimento. Abbiamo una piccolina di boxer di due mesi e adesso si stanca ancora facilmente, ma tra qualche mese comincierà ad aver bisogno di fare minimo 2-3 ore di movimento giornaliere e diventerà sicuramente la mia personal trainer.  Intanto mi limito a camminata veloce nei km che riesco a fare. Mi prefisso i 5, ma non riesco a superare i 3 senza essere morta. D’altronde non è facile fare qualsiasi sforzo fisico con quasi 30 kg in più….ma la resistenza è fondamentale…fanno male le gambe, le ossa, se corro mi balla il sedere e giuro, mi fa male, ma più andrò avanti e meno sentirò il dolore e la fatica, diventeranno sopportabili!

Anche per stamattina è tutto, vi abbraccio forte e LOTTATE LOTTATE LOTTATE!
Mrs C.

insalata di farro

INSALATA DI FARRO E VERDURE

Ingredienti:

200 g di farro, 2 zucchine, 1 melanzana, 1 cipolla bianca, 1 piccolo peperone rosso, 1 piccolo peperone giallo, 2 pomodori, 2 cucchiai di capperi dissalati, 1 cucchiaio di senape 1 mazzetto di basilico, 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva, qualche goccia di tabasco, sale

Preparazione:

Portate a ebollizione abbondante acqua nella pentola, salatela e bollite il farro mescolando ogni tanto con un cucchiaio di legno. Lasciatelo cuocere a fiamma moderata per 40 min circa e poi scolatelo quando vi sembra cotto al dente..Preparate le verdure mentre il farro cuoce, lavandole per bene inanzi tutto. Tagliate le zucchine e la melanzana prima a fette, poi a bastoncini. Tagliate i peperoni, la cipolla e i pomodori a cubetti. Scaldate l’olio nella padella antiaderente e unite tutte le verdure. Salate, mettete il coperchio e fate cuocere per circa 10 minuti a fuoco medio, unendo, eventualmente, poca acqua. Alzate la fiamma, togliete il coperchio e proseguite la cottura per qualche istante, finché le verdure risulteranno appena dorate. Aggiungete gli aromi. Unite al misto di verdure i capperi e le foglie di basilico lavate e spezzettate grossolanamente con le mani. Diluite il tabasco in 1 cucchiaio di acqua calda, stemperateci la senape e insaporite le verdure con il condimento ottenuto, mescolando con cura per amalgamarlo.
Il farro scolato trasferitelo nella padella con le verdure. Mescolate delicatamente e lasciate riposare per qualche istante. Quando l’insalata sarà tiepida potrete servirla…e papparvela!

Una famiglia a dieta

Certo è difficile controllarsi. Restare sempre concentrati per non trovarsi con le mani nel pacco dei biscotti, ma si può fare. 
Non nascondo che sono molto nervosa per tutta la giornata, ringhio come i cani a cui viene sottratta la ciotola, ma è essenziale che mi abitui. Passo in dei momenti di assoluto sconforto e mi viene voglia di piangere, strillare e tirarmi i capelli dal disagio di non poter ingozzarmi… ma i sacrifici sono indispensabili e sicuramente anche molto utili, per far si che io stia bene. 
I risultati non posso certo già vederli, ma non ci vorrà tanto a far sgonfiare la pancia, e entrare nei jeans di una taglia di meno. Sono piena di ritenzione idrica, quindi eliminandone un pò con tanta plin plin…mi sgonfierò parecchio. Al solo pensiero sono ancor più motivata e felice. Mi pongo dei piccoli obbiettivi, in tal modo raggiungendoli mi gratifico un sacco e sono pronta per l’obbiettivo successivo con una grossa carica nel cuore. 
Su Facebbok mi sono anche iscritta ad un gruppo che si chiama “Dimagrire insieme“, nato dall’idea di Mari Sivonnea, un “salotto privato” come lo definisce lei, in cui scambiarsi consigli e sostenersi a vicenda in questo percorso.
Leggo i commenti e i post di altre donne e mi ci ritrovo a pieno, è così confortante non sentirsi soli. Dico sul serio, gente…se avete un problema ricordatevi che non siete da soli in questo mondo immenso, e che nonostante tutto ci sarà sempre qualcuno che potrà capirvi, accompagnarvi e aiutarvi. Colgo l’occasione per lasciarvi un mio contatto diretto (carlottalbicocca@gmail.com) nel caso vi andasse di parlare con qualcuno o abbiate bisogno di un consiglio o solo di fare due chiacchere. Non posso promettervi una magica risposta ai vostri problemi, ma sicuramente posso essere una buon ascoltatrice e chissà…un sostegno.
Vi dicevo…nel gruppo ogni Lunedì parte una “sfida”, tutte possono partecipare, ovviamente senza obbligo alcuno e senza vergogna sopratutto. Ognuno posta una foto in cui compare la bilancia che segna il proprio peso e un foglietto che riporta l’obbiettivo settimanale soggettivo di quanto la tal persona vorrebbe perdere. Alla fine della settimana si posta la foto sempre della bilancia, con il peso raggiunto…e poi? SI FESTEGGIA e ci si congratula con chi è riuscito nel suo intento! C’è anche un pò di competitività in questa sfida, che male non fa, anzi..penso possa aiutare maggiormente le persone a raggiungere gli obbiettivi desiderati sentendosi in compagnia, sentendosi capite al 100% nei sacrifici giornalieri, sentendosi tutte parte di una famiglia che non ti giudica in base al tuo peso.

Al prossimo post amiche. Mrs C.

PS:

colaz

Colazione (o spuntino o merenda) a base di fiocchi d’avena bagnati nel succo d’ananas o latte,con tanti piccoli pezzi di ananas! A colazione possiamo accompagnarlo con uno yogurt magro o greco a piacimento….e tanto amore per noi!

Il mio piano per conquistare il mondo

polpo

Si può dire che da oggi si comincia seriamente a prendere sul serio quella cosa seria chiamata: mangiar sano (o serio?).
Non voglio fare ne una cosa strong ne una cosa della serie “facciamola come viene”. Voglio fare una cosa equilibrata, sana e tranquilla. Non so perchè queste parole mi suonano famigliari….*Si guarda intorno facendo finta di niente*.
Tanto per cominciare devo eliminare le cose che mi piacciono di più…sia dolci che salate. Ovvero schifezze innominabili am che nomino lo stesso del tipo: torte, patatine, brioches, biscottini, grissini al sesamo, PIZZA (oddio la pizza no….ma devo…mi viene da piangere…), e tutte quella roba li insomma…ci siamo capiti.

Morirò. Lo sento, morirò di fame. Tra qualche giorno mi troverete riversa sul pavimento agonizzante mentre mormoro: pizzahh….datemi della pizzah…

No. Non morirò, e quando vedrò i cambiamenti allora avrò anche più voglia di darmi da fare. Intanto cominciamo così…a mangiar bene, che già questo la dice lunga. Dovete sapere infatti, che io non è che mangio molto bene (si era capito) ma la cosa più brutta in assoluto è che la mia migliore amica si chiama poltrona.
Io lo dico a tutti. SONO NATA STANCA, sono proprio nata stanca ed affamata. Ma devo cominciare ad alzare il mio culo (che è tipo una secona persona dietro di me) e sbrigarmi a fare qualcosa prima di passare la soglia dei 30….viso che tutte le mie amiche non perdono l’occasione di dirmi sempre “guarda che dopo i 30 poi è difficile…non è come avere vent’anni“….si si l’ho capita l’antifona! Ecco perchè la prossima settimana vado con la mia amica A. a provare tre diversi corsi di una palestra. A. vuole fare delle cose strong che ti fanno morire dopo 2 minuti, non hai nemmeno il tempo di sudare che ti stanno già facendo il funerale, io spero di arrivare almeno a metà lezione prima di accasciarmi incosciente sul pavimento.

Morirò. Lo sento, morirò di fatica. Tra qualche giorno mi troverete riversa sul pavimento agonizzante mentre mormoro: solo un sorso d’acquaaahhh….

Ma no…non morirò nemmeno sta volta e nemmeno le 10 volte successive. Nel mio piano per conquistare il mondo sono certa che ogni giorno farò meno fatica. L’importante è crederci…poi si può fare tutto!

A presto…Mrs C.

PS. Se da oggi non scriverò più……significherà che sono morta sul serio..

PPS.
INSALATA DI POLPO con POMODORINI e SEDANO (o finocchio)
Ingredienti: 1,200 g di polpo già lessato, 180 g di pomodorini, 60 g di sedano, 2 rametti di timo, 30 g di olio extravergine, succo di limone qb, Sale qb, pepe bianco qb.

Preparazione:
Iniziate preparando il condimento per l’insalata. Mescolate nell’olio extravergine d’oliva le foglioline di timo e il succo di limone (circa due cucchiai). Insaporite con sale e pepe bianco (circa due girate di macina). Dopo aver lavato i pomodorini tagliateli in tanti spicchi e poi fate lo stesso con il sedano o il finocchio tagliando a fettine molto sottili.
Tagliate il polpo sbollentato in precedenza in acqua poco salata e ponetelo nel piatto aggiungendo pomodori e sedano e condendo con l’olio aromatizzato preparato prima. Se gradite potete aggiungere ancora un pò si sale e pepe bianco.

Avanzi di frigo

Buonasera,

oggi giornata davvero impegnativa. Asilo, veterinario, pulizie, bambini….preoccupazioni generali. Insomma non che ci sia molto da rallegrarsi. La mia boxerina di due mesi sta male e forse domani verrà ricoverata dalla veterinaria. Purtroppo c’è poco da scherzare oggi….ma il buon cibo di consolazione non manca mai a casa mia ….quindi……………..il menù di stasera prevede avanzi del frigo da finire così cucinati [con ricette di mia invenzione (anche il nome quindi lo è)]:

Fettine di tacchino al limolime: prendere 5 fettine di tacchino e metterle a macerare in una terrina con il succo di un limone, un lime tagliato a pezzetti, 4 foglie grandi di basilico tritate, 3 spicchi d’aglio tritati e un pò di prezzemolo. Lasciar macerare minimo un’ora girando di tanto in tanto. Cuocere in padella fino a cottura aggiungendo un filo d’olio e un pò di sale. Accompagnare se graditi con piselli insaporiti all’aglio.

MelanSane al forno: cuocere le melanzane intere a vapore. Finita la cottura tagliare le estremità e poi tagliare a metà la melanzana. Adagiarla in una teglia da forno con la buccia verso il basso. Condire con sale e olio e poi scorpargele di grana o formaggio grattugiato a piacimento. Infornare a 180° per 15 minuti (o fino a doratura del formaggio). Servire calde. 

Vi abbraccio puzzolosamente..e vado a cenareeee..
miammmmmmiiiiiii...

Mrs C.

PhotoGrid_1409937518120

Sbam sbam e bambambam

e4451c1f25ad826a845a6e7286e3dec6

Torta al cioccolato…torta al cioccolato…torta al cioccolato
Questo pensiero mi martella fisso nella testa oggi, perchè? Perchè in frigo c’è una bella torta con scaglie di cioccolato, ricoperta di glassa al cioccolato e cristalli di zucchero colorato…che mi chiama e mi dice: “Uhhhhhh….mangiamiiiihhhh….vieni a prendermiiii…solo un morsoooo….“.
E io devo resistere…e mi devo visualizzare mentre sbam sbam e bambambam…sbatto la testa contro un muro per cambiare traiettoria ai pensieri…e questi non è che si spostano molto di carreggiata. Solo di un metro, ora puntano dritti dritti verso l’armadietto pieno di biscotti, merendine, nutella e bontà divine (proprietà privata di figli e marito, chiuse a chiave con lucchetto a doppia mandata).

Ecco la ricettina “nonpiùsegreta” della mia personale torta (superiperstramega CALORICA) dedicata a mia cugina M.:

INGREDIENTI

450 gr di farina
200 gr di zucchero
200 gr di burro
3 uova medie
200 ml di latte
acqua gasata qb
1 bustina di lievito
2 tavolette di cioccolato
1 pizzico di sale
1/2 boccettina di aroma al Rhum

PROCEDIMENTO

In un terrina di medie dimensioni setacciamo la farina (o anche no…io non l’ho mai fatto), aggiungiamo lo zucchero, il lievito e un pizzico di sale. Mescoliamo tutto e ci aggiungiamo i tuorli delle tre uova. Mescoliamo ancora e aggiungiamo il burro fuso (eresia fondere il burro lo so…ma io lo faccio sempre….NONNA MIA; AMORE DEL MIO CUORE TI PREGO NON MI DISEREDARE). Aggiungiamo anche il latte, fino ad avere un’impasto cremoso (non liquido mi raccomando!) se è troppo spesso possiamo aggiungere acqua gasata…o ancora latte. Aggiungiamo la mezza fialetta di rhum. In una terrina a parte montiamo a neve gli albumi che avevamo lasciato da parte, quando le fruste “scrivono” significa che gli albumi sono pronti e montati a sufficienza. Aggiungiamoli all’impasto ricordandoci di mescolare sempre da sotto a sopra e dolcemente, per evitare che i bianchi si smontino. 
Imburriamo la teglia da forno e mettiamoci l’impasto. Prendiamo metà tavoletta di cioccolato e spezzettiamola grossolanamente ponendo i pezzetti nell’impasto a nostro piacimento. Inforniamo in forno già a temperatura di 180° ventilato per circa 40 minuti. (Fatela prova dello stuzzica denti per vedere se è cotta, sopratutto al centro).
Sforniamo e lasciamo raffreddare.
Con la restante tavoletta e mezza di cioccolato prepariamo la glassa. A bagno maria la facciamo sciogliere e quando è completamente liquefatta la versiamo sulla torta ormai fredda, provvedendo subito a spalmarla per bene e a leccarci le dita, il tavolo e il cucchiaio con ciò che avanza/sporca. A piacimento spargiamo sopra cristallini di zucchero colorati o quello che vogliamo. Aspettiamo 10 minuti e mettiamo la torta in frigo per far indurire bene la glassa.
Io personalmente la lascio sempre in frigo perchè mi piace mangiarla fredda, ma voi fate un pò come pancia vi comanda!!!!

Un abbraccione che sa di fritto…..Mrs C.

Muffin al farro con fragole e mandorle

Ricetta meno grassa, approvata per la vostra “QUASI DIETA”…Mrs C.
slide-450
Ingredienti per 14 muffin
Farro farina 370 gr
Zucchero di canna grezzo 150 gr
Fragole fresche 300 gr
Yogurt bianco 300 gr
Uova 2
Olio di oliva extravergine 75 ml
Mandorle a lamelle 70 gr
Lievito chimico in polvere 1 bustina
 Preparazione
 
Muffin al farro con fragole e mandorle

Per preparare i muffin al farro con fragole e mandorle, in una ciotola mescolate la farina di farro e lo zucchero di canna grezzo, con l’aiuto di una frusta (1). Unite poi il lievito (2) e lo yogurt (3),

Muffin al farro con fragole e mandorle

poi rompete le uova e aggiungetele (4) quindi mescolate con la frusta (5). Infine versate a filo l’olio extravergine d’oliva (6) e amalgate bene gli ingredienti.

Sito Ufficiale eDreamsVoli da 9,99€. Prenota con eDreams. Confronta Voli Online e Risparmia! www.edreams.it/Offerte_Voli

Muffin al farro con fragole e mandorle

Continuate a mescolare con una spatola fino ad ottenere un composto omogeneo e morbido (7). Lavate le fragole, spuntatele e tagliatele a pezzetti (8-9).

Muffin al farro con fragole e mandorle

Aggiungete le fragole all’impasto dei muffin (10), date una mescolata (11) e per ultimo unite le mandorle a lamelle (12). Ricordate di tenere da parte una manciata sia di fragole che di mandolre che vi serviranno per la decorazione finale.

Muffin al farro con fragole e mandorle

In uno stampo per muffin sistemate i pirottini e riempiteli per 3/4 della loro altezza con l’impasto (13); aggiungete un paio di pezzi di fragole e delle lamelle di mandorle sulla supeficie di ogni muffin (14) e cuocete i muffin al farro in forno già caldo a 180° 20-25 minuti (se forno ventilato 160° per 15-20 minuti). Sfornate i muffin al farro con fragole e mandorle (15), fateli raffreddare su una gratella e serviteli!

Giorno 0: La verità senza vergogna

large

– Ah…sei tu! quasi non ti riconoscevo…sei…cambiata!-
Questa è la “frase tipo” che esce dalle boccacce di chi non mi vede da molto tempo (anni sopratutto). Anche se la frase è lasciata a metà i loro sguardi mi fanno intendere come avrebbero voluto finirla…
– Eh si…sono proprio io – rispondo abbassando lo sguardo. Mi chiedo se mi devo vergognare per come sono diventata. Divento rossa d’imbarazzo e cerco di andare via salutando con una scusa, non mi va di star li a farmi compatire per il grasso in eccesso. Chiudessero quelle bocca e si facessero gli affaracci loro.

– Allora C. quando ti metti a dieta?-
Queste sono le amiche di mia mamma. E gli amici di mio marito. E le mie amiche. E tutti. Ed io.
– Eri così bella una volta, con questo bel viso…se dimagrissi sai che fila fuori dalla porta?-
Si una volta ero caruccia, non una Miss, ma me la cavavo…e lo sapevo…ma me lo devi proprio far ricordare ogni due minuti? Ogni volta che avvicino la forchetta alla bocca? Ogni volta che mi dici “peccato che questo non ti sta..altriemnti te lo prestavo!” …ma vai a dare via il!!!! Tanto non me lo avresti prestato anche se mi fosse stato.
Comunque è successo che tutto un giorno è cambiato.Be…non proprio in un giorno…in sei anni diciamo.
Sono sei anni che ad ogni chilo in più tiro fuori le solite scuse: “ma si..ho fatto due figli!…” “E’ lo stress per il lavoro che viene e che se ne va….” “tra casa, bambini etc non ho tempo per fare qualcosa”

La verità lo sapete qual’è? Io la so. La  verità è che ho un disturbo alimentare. Sono una bulimica che non vomita. Non scherzo.
Mi abbuffo e poi me ne dico di tutti i colori promettendomi che la prossima volta mi controllerò o mi chiuderò le dita nella portafinestra…ma nel frattempo sto già frugando nella dispensa (e le mie dita sono ancora integre).
A volte sono brava a riesco a tenere a bada la “fame”. Butto giù qualche kg, mi sento una gran figa, ma ci sono sempre quei 20kg di troppo che mi appesantiscono e mi ributtano giù.
Non sono costante…si è capito?
E la gente ti guarda, e tu ti guardi allo specchio, e frughi disperata nell’armadio per cercare qualcosa da mettere che camuffi le tue forme e che non ti faccia sembrare una mamma balena, la moglie che non merita un marito così bello..insomma..’na gran  botta nei denti ogni volta che ti specchio ti vesti con le tende….

-Perdio C, hai pur sempre 24 anni cazzo. Datti una svegliata fino a che sei ancora in tempo-
Questo il motto di ogni mattina mentre prendo il sacchetto di biscotti e li inzuppo nel latte.

Ce la farò mai? Mi vorrò mai abbastanza bene da poter dominare questo stimolo continuo? Tutte le risposte non potranno che venire con il tempo. Vediamo. Magari non sono l’unica. Dormiamoci su e….chi si è visto s’è visto, ciò che s’è magnato s’è magnato.

Giorno 0:

Peso: 88kg
Altezza: 170cm
Colazione: 5 biscotti al cioccolato
Spuntino: patatine
Pranzo: 1 Spinacina 2 hamburger di pesce
Merenda: Torta al cioccolato
Cena: Focaccia farcita